Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

facebook instagram twitter

IMPROVVISAZIONE
TEATRALE
A MILANO

logo bu

Workshop 2020

I workshop 2020 di Teatribù

25/26 gennaio - Workshop con Roberto Boer - 10 ore (sabato 14.00-19.00 | domenica 11.00-13.00, 14.00-17.00)
Storie Pazzesche (che non vedremo mai) - Il primo giorno di scuola, il corso di judo, il primo bacio, un esame andato male, quella volta che mi sono ubriacato, una litigata furibonda, il premio come dipendente dell’anno... Siamo quello che siamo in virtù di ciò che abbiamo vissuto, delle nostre esperienze, delle vittorie e delle delusioni. In poche parole: siamo quello che siamo grazie alla nostra storia. Ed è lo stesso per i personaggi che portiamo in scena. Le storie pazzesche che non vedremo mai costituiscono il bagaglio fondamentale per trovare e rendere veri e credibili i personaggi in scena. Le storie pazzesche che non vedremo mai sono lo strumento necessario per poter fare, agire e reagire coerentemente. Le storie pazzesche che non vedremo mai sono l’antidoto contro l’imbarazzo, la paura di perdere il personaggio e il timore di portare in scena noi stessi per l’ennesima volta. La didattica parte da tecniche e sistemi di recitazione per estrapolarne, adattarne, stravolgerne e modificarne i contenuti a uso esclusivo dell’improvvisazione. L’approccio non sarà quindi accademico, ma basato sulla scoperta e la sperimentazione, per rendere tutto più semplice, divertente e vicino all’approccio dell’improvvisatore. L’obiettivo è quello di arricchire ulteriormente la valigia degli attrezzi dell’attore che improvvisa, lasciandogli sempre la forza del poter scegliere, senza snaturare la bellezza dell’improvvisazione con qualcosa di artefatto e preconfezionato.
Aperto a gli improvvisatori dal terzo anno in su - Costo iscrizione: € 100

22/23 febbraio - Workshop con Beba Fedrigucci - 10 ore (sabato 14.00-19.00 | domenica 11.00-13.00, 14.00-17.00)
Lost in Space - Lo spazio scenico non è solo un luogo da riempire ma può essere un grande alleato nella costruzione di storie, personaggi e relazioni. Insieme esploreremo le dimensioni dello spazio, le linee, le traiettorie e le possibilità di "vivere" il palco facendo sì che diventi fonte di ispirazione e di creazione. Giocheremo con le distanze, ci alleneremo a stare negli spazi non convenzionali, usare sedie e sgabelli non solo come sedute ma come limiti per creare ambienti originali e stimolanti. Alla fine non ci servirà altro che quello che vediamo intorno a noi.
Aperto a gli improvvisatori dal terzo anno in su - Costo iscrizione: € 100

14 marzo -  Workshop con Federico Basso - 5 ore (14.00-19.00)
Da creativi a creatori - Si parla sempre più spesso di creatività. Ma che cos’è? Cercheremo di capirlo insieme, cercando una definizione appropriata e analizzandone le varie sfaccettature. Attraverso la teoria esploreremo una piccola parte di questa gigantesco Universo e cercheremo di allargarne gli orizzonti attraverso esercizi e applicazioni pratiche. In fin dei conti la creatività e’ un muscolo: come tale, può essere allenato periodicamente per aumentarne le prestazioni e sfatare una volta per tutte falsi miti che la circondano. Siamo tutti creativi e la scrittura e’ uno dei tanti strumenti che abbiamo a disposizione per dimostrarlo. Scopriremo come nasce un’ idea, come possiamo farle prendere forma e svilupparla per poter compiere il passo più difficile: passare da “creativi” a “creatori”.
Aperto a tutti - Costo iscrizione € 60


21/22 marzo - Workshop con Fabio Magnani - 10 ore (sabato 14.00-19.00 | domenica 11.00-13.00, 14.00-17.00)
"Oh-oh!" (la ricerca sul proprio clown) - Cos’è il clown? Che differenza c’è tra il Bianco e l’Augusto? Devo truccarmi e vestirmi da pagliaccio? Posso essere stupido senza fare l’idiota? Il clown è la maschera più piccola del mondo. Forse la più difficile da indossare e da gestire. Questo rende certamente la sfida allettante. Il clown non è un pagliaccio, o quanto meno per noi non lo sarà. Spesso vengono confusi e identificati allo stesso modo. Ma non è così. Il clown teatrale e ben diverso dal pagliaccio del circo. Per cui tranquilli, niente trucco sul viso e niente vestiti pomposi!
Quando penso al clown teatrale penso a Charlie Chaplin, a Stanlio e Ollio, Buster Keaton, George Carl e tanti altri. Il clown vive di poesia e quando ci fa sorridere non è consapevole del perché. E’ innocente, ma al tempo stesso vittima della sua costante stupidità, la quale però lo rende vulnerabile e forte al tempo stesso. Imparare a gestire le situazioni complesse o impossibili è la più grande arte del clown. Sopravvivere nella “merda”, accettandola, senza evitare il problema, ma affrontandolo di petto. Scoprire quali sono le dinamiche tra il clown Bianco e il clown Augusto, ci aprirà il mondo alla dinamica del gioco di status opposti. Trovare il gioco in ogni cosa, la gioia di affrontare la paura e l’ostacolo, senza farsi sconfiggere mai. Imparare a ridere di noi stessi insieme agli altri. Insomma il clown è la magia delle piccole cose.
POSTI ESAURITI

4/5 aprile - Workshop con Mariadele Attanasio - 10 ore (sabato 14.00-19.00 | domenica 11.00-13.00, 14.00-17.00)
Russian Doll: una catena di storie - Un lavoro corale tutto incentrato sulle varie possibilità di narrazione, racconto e transizione da una storia all'altra. Restringendo la telecamera su un piccolo dettaglio o allargando l'immagine a comprendere ciò che l'occhio non aveva notato, in un susseguirsi di storie dai vari sapori. Una storia che contiene una storia...che contiene una storia...che contiene...avete capito no?! Gli strumenti che utilizzeremo saranno lo studio delle narrazioni, esterne o interne alle storie, quello delle transizioni per passare da una scena all'altra in modo non convenzionale e la diversità della proposta delle storie. Gli obbiettivi saranno quelli di scovare la libertà di passare da una storia all'altra, creare storie diverse partendo da quello che abbiamo già a disposizione in scena, divertirsi con il flusso delle storie, delle energie, delle relazioni e emozioni.
Aperto a gli improvvisatori dal terzo anno in su - Costo iscrizione: € 100

18 aprile - Workshop con Leah Dawson - 5 ore (14.00-19.00)
 Don't Panic! Words are like salt and pepper! - This 5 hour workshop goal is to help students not panic when interacting with an English speaking show, group, or lesson. The workshop will help participants start their journey of listening and speaking English through Improv. It focuses on common phrases, strategies for surviving and tricks for having fun in an English Language environment.
Aperto a tutti - Livello di inglese richiesto: beginners - Costo iscrizione: € 60